top of page
41.png

I feel your voice


Titolo: I feel your voice

Autore: Fabiana Vestoso

Serie: Autoconclusivo.

Casa editrice: Kimerik

Pubblicazione: 28/03/23

Compralo su Amazon a questo link


Trama


Il 26 aprile 2015 la vita di Alexis Naype viene stravolta da un evento terribile.

Il dolore e la paura di un’aggressione inattesa sono gli ultimi ricordi prima del buio del coma.

Al suo risveglio, la ragazza subisce un altro shock: non riesce più a parlare.

La sua quotidianità, scandita dalla sua passione più grande, la danza, e dal calore degli amici e della sua famiglia, è totalmente sconvolta.

A diciannove anni si ritrova costretta ad accantonare i suoi sogni e progetti e a rivedere le sue priorità.

Milano, la sua amata città, non è più il luogo in cui si sente a suo agio e le sue giornate sono occupate ormai dalla difficile elaborazione del trauma e dagli attacchi di panico che la tormentano.

La famiglia, molto affiatata e unita, è l’unica nota di luce in questo momento cupo e difficile.

È grazie ai suoi genitori e ai suoi fratelli, in particolar modo il maggiore, Nate, con il quale Alexis ha un rapporto molto forte, se la ragazza non si lascia prendere dallo sconforto e cerca di reagire.

Quando i suoi genitori le comunicano la decisione di trasferirsi a Londra, per aiutarla a ricostruire la sua vita lontano dai brutti ricordi, Alexis è entusiasta ma consapevole che non sarà facile accettare questa nuova se stessa, più fragile e dipendente dagli altri.

L’incontro improvviso con Harry, un ragazzo che lavora alla scuola di lingua dei segni, stravolge completamente i suoi pensieri, segnando in modo particolare l’inizio della sua nuova vita londinese.

Nel romanzo di esordio di Fabiana Vestoso si affronta un tema molto delicato come la sopravvivenza a un trauma, ma anche l’importanza degli affetti e dei sentimenti forti e onesti per poter voltare pagina e iniziare il lungo percorso che porta alla guarigione.

Con uno stile agile e fresco, ma mai frivolo, l’autrice miscela bene romanticismo, suspense, umorismo e toni più seri e drammatici, riuscendo a parlare dell’importanza dell’amore, in tutte le sue accezioni, come motore principale per vivere pienamente e riconquistare anche ciò che sembra definitivamente perduto.




Recensione


Fin da quando mi è stato proposto sono rimasta subito colpita dalla trama.

Non sono molti i libri che approfondiscono gli effetti psicologici lasciati da un'aggressione né molti gli autori che presentano personaggi protagonisti che per un motivo o per un altro comunicano tramite lingua dei segni.


La Vestoso è riuscita in entrambe le imprese coinvolgendoci nelle vicende di Alexis, giovane ragazza italiana che si è risvegliata da un lungo coma inseguito a un aggressione.

Fin dalle prime pagine emerge la paura, la desolazione, il netto contrasto con la vita che conduceva prima, fattore ancora più evidenziato dai numerosi flashback.


Ma come spesso ci si dimentica, la vittima non è solo quella che subisce l'atto, ma anche le persone che la circondano e le vogliono bene, che avrebbero voluto proteggerla, ma non c'erano, che non vogliono fare altro che aiutarla come possono, ma non riescono o faticano, perché anche loro combattono contro i loro demoni, rimpianto e paura.


Ma questa è una storia anche di rinascita.


Di una ragazza che troverà la forza di amare ancora, di ballare di fronte a un pubblico, di combattere per i propri sogni.


Da Milano a Londra, alla ricerca di una nuova prospettiva di vita, Alexis riscoprirà il rapporto con la sua famiglia e soprattutto con se stessa per via della sua improvvisa incapacità di parlare, incontrerà un volontario del centro, Harry di cui in alcuni capitoli vediamo anche il punto di vista.


Certo, alcuni elementi sono riconducibili ai classici del genere, il trasferimento, il ragazzo ricco impegnato con una ragazza che non vuole, questa che si rivela una stro**etta e il genitore di lui che lo comanda a bacchetta per l'impero di famiglia.


Nel complesso però è una storia ben equilibrata in tutti i suoi elementi. Abbiamo la parte di formazione, la parte più romance osteggiata e anche una buona parte di mystery.

Sì, perché Alexis non ricorda la notte dell'aggressione e il colpevole non è mai stato trovato, quindi dovrà scavare nella sua mente annebbiata per trovarlo e salvarsi.



Valutazione complessiva ⭐⭐⭐⭐☆

Comments


Commenting has been turned off.
bottom of page