top of page
41.png

La prigioniera d'oro



Titolo: La prigioniera d'oro

Autore: Raven Kennedy

Casa editrice: Armenia

Pubblicazione: 30/03/22

Serie: The Plated Prisoner #1

Trope: dark fantasy, fantasy romance, retelling, mitologia


Compralo su Amazon a questo link



Trama


Auren è la favorita di re Mida, l'uomo dal tocco d'oro, che la tiene in una gabbia dorata, simbolo del suo potere. Questa «gabbia» copre l'intero piano superiore del castello, con gabbie integrate in ogni stanza e passerelle sbarrate collegate tra loro, in modo che Auren possa girare liberamente per il castello. La prigioniera si sente protetta e al sicuro nella sua gabbia. Ma da cosa? Ha avuto una vita molto dura, ha vissuto per strada fino a quando Mida non l'ha salvata. Auren lo conosce da prima che diventasse re, il che spiega molto sul loro rapporto. Ma la sua vita, le sue sicurezze, stanno per cambiare brutalmente...




Recensione


Si tratta di un retelling del mito di Re Mida, colui che, premiato da Dionisio, si diceva potesse trasformare ogni cosa toccata in oro.


⚧️ La storia inizia in una situazione in po' ambigua, la protagonista, Auren, si ritrova all'interno di una prigione d'orata a osservare Mida darsi da fare con le sue "selle reali", un harem di donne e uomini che soddisfano i suoi "appetiti".



👑 Da subito il re non fa una bella figura, è lampante il rapporto deleterio e nocivo che intercorre tra i due. Auren è dipendente da una persona che l'ha rinchiusa, isolata dal mondo e dalle altre persone, con la scusa di proteggerla mentre lui fa di tutto, infischiandosene dei suoi sentimenti.

Re Mida sfrutta il suo ascendente su Auren, e il potere dovuto alla sua posizione, per commettere dei continui soprusi psicologici sulla povera ragazza che, pur sentendo che non è giusto, non riesce a ribellarsi.


🤕Ho letto con una sensazione di nervoso e fastidio, nel vedere Auren distrutta dalla prigionia, dall'alcol, dall'isolamento, dal senso di possesso malato di Re Mida, tanto che quando finisce fuori dalla sua gabbia dopo 10 anni (dieci anni, altro che Sindrome di Stoccolma! 😵‍💫) ci mette un po' a ritrovare se stessa e a combattere per quello che crede.



🌍 La prigioniera d'oro è il primo libro di una serie che si comporrà di 5 volumi, quindi credo che il cammino di Auren sarà lungo, un lento ritornare alla vita, per superare le avversità, ma anche per capire cosa l'ha condotta in quella situazione, oltre al fatto evidente, il suo aspetto "particolare" non le dà la possibilità di vivere in mezzo alla gente.


Ho tante speranze per i seguiti, ci sono molte cose ancora da scoprire che in questo primo volume sono state solo accennate. Spero i prossimi riusciranno a darci un Auren valida e Mida sottoterra possibilmente… o magari ci sarà un plot twist tremendo e verrà riabilitato, chissà, "lo scopriremo solo leggendo" 🤣



Valutazione complessiva ⭐⭐⭐⭐⭐

Comments


Commenting has been turned off.
bottom of page